L’Aiart ritira la denuncia. Corrado Guzzanti ringrazia con una lettera per le 54mila firme raccolte da Art.21 e change.org

Da Articolo 21 – Vittoria doppia, anzi tripla. E qualche volta vale la pena di gioire pubblicamente dei risultati ottenuti per campagne di libertà che si combattono con convinzione. La petizione per Corrado Guzzanti lanciata sul sito change.org ha raccolto oltre 54mila firme. L’Associazione dei telespettatori cattolici (Aiart) ha ritirato la denuncia e Guzzanti ci ha scritto una splendida lettera (che si può leggere di seguito nella versione integrale) per … Continua a leggere L’Aiart ritira la denuncia. Corrado Guzzanti ringrazia con una lettera per le 54mila firme raccolte da Art.21 e change.org

Cinquantamila firme per Guzzanti e la7. “No alla censura alla satira”

Cinquantamila. Tante sono le adesioni pervenute sul sito www.change.org alla petizione contro il bavaglio a Corrado Guzzanti e a la7,  lanciata dal direttore di Articolo21 Stefano Corradino. La petizione è letteralmente esplosa sulla rete. Migliaia “i mi piace” su facebook, centinaia di condivisioni e di twitt. Le petizioni rilanciate da decine di blog e siti internet. Corrado Guzzanti denunciato per vilipendio alla religione. L’accusa viene dal L’associazione telespettatori cattolici “Aiart”, che ha deciso di denunciare l’emittente … Continua a leggere Cinquantamila firme per Guzzanti e la7. “No alla censura alla satira”

Nessuno tocchi Corrado Guzzanti. Firmiamo la petizione di change.org

di Stefano Corradino, 8 gennaio 2013 (da Articolo 21) Medioevo Italia. Corrado Guzzanti denunciato per vilipendio alla religione. L’accusa viene dall’associazione telespettatori cattolici Aiart che ha deciso di denunciare il comico e attore romano reo di ”aver offeso con battute da caserma il sentimento religioso degli italiani, vomitando insulti e falsità per oltre un’ora di spettacolo”. La trasmissione sul banco degli imputati è “Recital”, di e con Corrado Guzzanti andata in onda venerdì 4 … Continua a leggere Nessuno tocchi Corrado Guzzanti. Firmiamo la petizione di change.org