La seconda infezione

Roma, 13 aprile 2021* – La seconda infezione. Così la chiama Ezio Mauro sulla Repubblica. La recessione economica che travolge “prima di tutto i lavoratori dipendenti con tagli e chiusure che minacciano di trasformarli semplicemente in esuberi. Ma attacca direttamente anche il mondo della piccola impresa, del commercio, delle aziende familiari più minute, dei ristoratori, degli esercenti, degli ambulanti”.

“E sarebbe un delitto – avverte giustamente Mauro – lasciare rifluire la protesta di questi giorni verso l’estremismo populista e sovranista. Interessato soltanto a incassare l’incandescenza della rabbia e del risentimento per scagliarla contro il sistema, trasformandola immediatamente in antipolitica“.

Osservazioni condivisibili, quelle dell’editorialista della Repubblica. Lo diventano ancora di più precisando che la prima infezione, antecedente alla pandemia, è l’involuzione neoliberista di questi decenni, che oggi tutti riconoscono più grave che mai constatando l’incalzare delle disuguaglianze. La prima infezione è la centralizzazione del capitale in poche mani, cresciuta a dismisura con la libertà di muovere ricchezze e speculare sui mercati senza più ostacoli di legge. Spesso anche eludendo e violando quest’ultima.

Lo aveva ben spiegato nella sua opera più recente il professor Emiliano Brancaccio, che nonostante il dichiarato orientamento marxista è uno tra i più stimati economisti italiani: “conta solo ciò che contribuisce all’accumulo privato di capitale, mentre viene quasi del tutto scartato ciò che riguarda l’avvenire collettivo, come ad esempio la prevenzione dei disastri sistemici”. Non solo.

“La centralizzazione capitalistica, inesorabilmente, tanto tende a concentrare il potere di sfruttamento in poche mani quanto tende a livellare le differenze tra gli sfruttati”. Lavoratori prima di tutto, piccoli imprenditori poi.

Il mercato non prevede il futuro ma lo determina

Il fatto è che, con qualche eccezione decisamente minoritaria, la politica continua a credere che il mercato finanziario sia l’unica istituzione in grado di prevedere il futuro. Benché sia a tutti evidente che i prezzi dei titoli sono continuamente influenzati da ondate di euforia e di panico. E sempre più dominati, molto più che dall’andamento dell’economia reale, dall’azione degli speculatori. Scrive Brancaccio: “Il mercato non prevede il futuro ma lo determina secondo gli interessi della classe egemone”.

Due anni di recessione procurata dalla pandemia dovrebbero avere aperto gli occhi del mondo sul disastro universale prodotto da questa divinizzazione del mercato e della speculazione e dall’abdicazione della politica dal governo della cosa pubblica. Provvedere ai “ristori” durante il lockdown è necessario e va fatto nel modo più razionale ed equo possibile. Ma una politica keynesiana che si limiti al risarcimento del danno spostandolo sulle generazioni future e ampliando a dismisura il debito pubblico non solo non è sufficiente ma non è neppure moralmente accettabile.

Rimettere in gabbia la bestia della speculazione

Quello che occorre è, sostiene Brancaccio, “un assetto normativo, istituzionale e politico che rimetta in gabbia la bestia della speculazione e della libertà di movimento dei capitali”. Tornare a controllare questi ultimi “sarebbe un primo segnale di svolta”.

A partire dal sistema bancario per estendersi a tutti gli ambiti in cui, come abbiamo potuto constatare, la logica del capitale privato dimostra la sua inefficienza: dalla sanità alle fonti energetiche, dalla mobilità alla ricerca. Ed è chiaro che “non sarà un pranzo di gala”.Non lo sarà perché una svolta di questo tipo non potrebbe riuscire in contrasto con la politica europea e internazionale dell’Italia. Mettere sotto il controllo dei parlamenti e delle istituzioni democratiche la BCE e le altre banche centrali è impresa tutt’altro che facile.

Ma non sarà “un pranzo di gala” soprattutto perché non è ancora stato rimosso dall’orizzonte politico il pericolo di un’alternativa di segno decisamente opposto. Il rischio cioè che una nuova destra emergente dalle attuali proteste dalla piccola borghesia del terziario si allei al grande capitale per soluzioni di tipo autoritario, più o meno camuffate. Il rischio a cui si riferiva Mauro e citato all’inizio. E, per ora almeno, l’incertezza programmatica di quel che resta della sinistra di certo non aiuta.

nella foto: “Il sogno americano” di Salvador Dalì

Articoli recenti:

  • Saluto al sole
    Amo gli appuntamenti non dovuti che il passaggio degli anni ora consente quando la sua proposta non rifiuti di rallentare i tempi con la mente. Senilità promette fantasia, perdonandosi dire: non fa niente, regalare l’amore a chicchessia. Mentre saluta il sole ad occidente l’onda si frange lunga e più distesa e in quel respiro l’animo… Continua a leggere Saluto al sole
  • 3. Disuguaglianza nella proprietà e nel reddito
    La difficile affermazione di una classe media patrimoniale Sono state le “classi dominanti” (l’1% della quota superiore) ad aver visto crollare la loro posizione relativa, laddove le “classi agiate” (il 9% successivo) è rimasto quasi stabile per l’intero XX secolo (attorno al 30% del patrimonio totale). Per contro, la quota del 40% compresa tra il… Continua a leggere 3. Disuguaglianza nella proprietà e nel reddito
  • 2. La deconcentrazione del potere e della proprietà
    *Da “Una breve storia dell’uguaglianza” di Thomas Piketty* – di questo libro ho pensato di proporre gradualmente sul blog, a scopo divulgativo, i brani che ritengo più significativi. La pandemia come la crisi politica, economica e ambientale che l’ha preceduta e accompagnata fanno oggi dell’ingiustizia sociale il problema più scottante per l’umanità. Nella sua “breve storia”, di cui raccomando la lettura integrale, Piketty scrive che “l’eguaglianza è una lotta che può essere vinta e nella quale ci sono sempre varie traiettorie possibili, che dipendono dalla mobilitazione, dalle lotte e da ciò che si apprende dalle lotte precedenti”.
  • La ballata del cra cra
    Piegati giunco che passa la piena*, diceva un vecchio giunco a un compagno che aveva ancora diritta la schiena.(2 volte) Lui, di rimando: ma questo è uno stagno, piene che passano io non ne vedo, solo ranocchie che cantano in bagno (2 volte) innamorate di un pezzo di legno che eleggerebbero loro sovrano e non… Continua a leggere La ballata del cra cra
  • Tra capo e Colle
    Roma, 24 dicembre 2021 – “O mi prendete per il Colle o non mi avete affatto”. È forse questa, secondo Massimo Villone che ne ha scritto oggi lucidamente sul “Manifesto”, la”diffida quirinalizia” nascosta nelle risposte di Mario Draghi durante la tradizionale conferenza stampa di fine anno convocata dall’Ordine del Giornalisti. Accompagnandola – ed è soprattutto… Continua a leggere Tra capo e Colle

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.