La gioventù cattolica in cammino

azione cattolicaGioventù, ch’è sì vano ricordare/

fragile sogno di tempi più lieti,/

l’avvenire promesso ad aspettare,/

non ti rimpiango in questi giorni quieti/

che la vita mi dà di ripensare/

vaghe certezze ed assurdi divieti,/

(quella croce che c’era da portare)./

La vita vera è questa, senza veti,/

soltanto amore da prendere e dare/.

22 aprile 2014

L’han votato

Renzi BerlusconiL’han votato. Li ho visti ai gazebo/

tre milioni di italica gente/

“Tutti gli altri per noi sono niente,/

Matteo Renzi, noi siamo con te./

 

 

Mi correggo. Li ho visti ai gazebo/

due milioni di italica gente/

“Tutti gli altri per noi sono niente,/

Matteo Renzi, noi siamo con te”./

 

Mi han votato. Ora sto al Nazareno/

finalmente mi sento un vincente./

Tutti gli altri per me sono niente/

Berlusconi, son tutto per te.

 

24 gennaio 2014

Lascia che il fiore

lascia che il fioreLascia che il fiore sbocci alla sua vita/

Il sole l’aprirà col suo calore/

La sua giornata durerà infinita/

se al tramonto ti avrà cambiato il cuore.

 

Lascia che il cuore giochi la partita/

il tempo scambia gioia col dolore/

la tua speranza non sarà appassita/

se avrai donato e ricevuto amore.

 

12 gennaio 2014

Dal treno

nebbia colline
foto Giuliano Corti

Al monotono ritmo dei binari/

si dilegua una vista/

di fugaci apparenze./

Ricamate di nebbia mattutina/

sfumano nel passato le colline:/

sono e non sono,/

sono e non sono…./

Fuori passa l’inverno. Qui sul treno/

timido il sole m’accarezza il viso.

 

Firenze-Roma, 2 gennaio 2014

 

Parabola dell’alpinista

alpinistaSono i ricordi come tanti chiodi/

che l’alpinista pianta nel salire/

fino alla vetta della sua montagna/

dove posa lo sguardo sulle cose,/

il cammino compiuto e la bellezza/

breve del mondo.

Lo sosterranno poi nella discesa,/

di balzo in balzo, della sua vecchiaia./

Ora soltanto/

riconosce la vita e le appartiene./

Inciso sulla roccia/

il suo passaggio resterà per sempre.

7 dicembre 2013.

Larghe pretese

berlucicoriaLa lacrimosa storia/

di un piatto di cicoria/

che cucinò la zia/

nella sua trattoria/

a un gruppo di gaudenti/

rumorosi studenti./

“La voglio ripassata!”,/

“Per me la fai a frittata!”/

“Per me cotta col vino”/

“Per me al peperoncino”/

“Rosolata con l’aglio…/

..ma come dico sbaglio”/

“Fammela senza sale,/

che dicono fa male”./

La zia, in cuffietta e guanti,/

sorrise a tutti quanti,/

disse:”ci penso io…

la farò a modo mio”./

La mescolò col fieno,/

ripassata al veleno.

 

24 giugno 2013

Che pensi di Renzi? (rap)

Renzi Matteo 1Non è un gran signore/

ma è un gran parlatore/

ciarliero, smodato,/

il re del mercato…/

(…politico, intendo)/

Dibatte correndo,/

dibatte seduto,/

dibatte con chiunque/

gli da il benvenuto,/

dibatte a Firenze/

vantando esperienze,/

ce l’ha col palazzo,/

rottama da pazzo,/

dibatte in tivvù,/

l’hai visto anche tu./

Ci dice che fa/

e quel che farà./

Farà il segretario,/

qualcuno è contrario?/

Farà il presidente/

(se Letta consente)./

Considera ammessa/

qualunque scommessa./

Io punto parecchio/

su Palazzo Vecchio.

 

12 giugno 2013

SPQR (Sono Pazzi Questi Romani)

Romolo e RemoEr giorno avanti de fondare Roma,

pur con rispetto all’augusta persona,

la prima cosa che je disse Remo
 
dice che fu: a’ Romolo, si’ scemo?

Pare che mi’ fratello nun se ‘ntenne

de come se comanna su li pazzi,

pe’ nun falli resta’ drento a le tenne

li vorrebbe allocà ne li palazzi.

Ma presto ha da capi’ che nun è ‘r caso,

che poi lo pijeranno per il naso.

Li matti è mejo che li fai scappare.

Drento ar palazzo, vonno comannare.
 
Ciò detto, fece ‘n sarto sopr’ er fosso
 
ridenno e sghignazzanno a più non posso.
 
Romolo sbianca: nun ce se po’ créde,
 
ma allora dillo che si’ propio ‘n fijo
 
de ‘na mignotta, mo’ te faccio véde 
 
ch’a Roma er primo pazzo sono io!
 
E acchiappato da tera ‘n gran pietrone
 
mannò a quell’antro monno er fanfarone./