Certezza

Parla da sola o in coro la certezza

e stolta ignora l’armonia del dubbio

che nel mistero gli esseri affratella.

Luccicando cadrà

come un bicchiere vuoto che si spezza

in mille pezzi fracassando al suolo.

 

***21 marzo 2019

La sconfitta del mondo*

Cammina sulle acque

la sconfitta del mondo

ora sfidando

la presuntuosa gotica certezza

di verità consunte

e magnifiche sorti e progressive.

La vediamo affondare

nel gorgo secolare

del pregiudizio.

Aspettando la Storia.

***11 marzo 2019

 

  • La sconfitta del mondo documentata oggi dal dramma dei migranti, perché coincide con le cause strutturali delle loro partenze forzate: impoverimenti, fame, penuria di acqua, di terra, di lavoro, di abitazioni, oppressione, violenza, guerre, disastri ambientali e climatici. E al tempo stesso con il fallimento della nostra cultura,  l’inadeguatezza della nostra politica e della nostra economia, morale e religione. Con la nostra disumanità.

Nei vapori di un sogno

Nei vapori di un sogno

m’intrattiene, cullandomi, una barca

remando piano fino ad accostare

alla riva del giorno,

poi con lo sguardo attorno

accarezzare

lo scoglio della vita,

il respiro del mare.

 

27 febbraio 2019

Disincanto

Un sogno non può essere tradito,

di tradimenti è fatta la realtà.

Giustizia e libertà sono nel sogno

Bisogno non il sogno è la realtà.

Ma se i bisogni riempiono la vita

la vita che non sogna è già finita.

 

12 febbraio 2019

Nuovo inizio

Dall’albero appassito

cade una fronda

e un’altra

e ancora un’altra,

finché la pianta nuda reca in vetta

poche foglie soltanto.

Per lei è la fine, dicono passando.

Il potatore invece ora sorride.

 

7 febbraio 2019

All’ora

Di quelle grida mute

di parole perdute

meglio allora la morte

e il suo silenzio.

 

*28 gennaio 2019

Roma paesana (video 57″)

Roma, 17 gennaio 2019, festa di Sant’Antonio Abate. Sfilano cavalli e cavalieri dopo la tradizionale benedizione degli animali in Piazza San Pietro.

Emozioni ignare

Lande sperdute della mia memoria/

sui vostri passi non vorrei tornare/

ma rivedervi sì, come dal treno/

scorre un passato di emozioni ignare,/

 

respirare il futuro in cui speravo,/

ritrovare il piacere di lottare/

contro la schiavitù dell’obbedire/

con la vana illusione di ordinare/

 

un paesaggio in perpetua evoluzione/

che non afferro e non saprò fermare/

fin quando arriverò alla mia stazione.//

 

14 gennaio 2019

 

 

La vite

Migliaia di piccole viti/

confuse, ammucchiate/

per una soltanto che serve/

diversa da tutte/

la cerco/

la trovo, mi sfugge/

ricade nel mucchio/

si perde/

ritorno a cercarla/

la vite o la vita, chissà.//

11 gennaio 2019

Rosso Natale

Strade malate della mia città/

dove grida la rabbia dei motori/

e sui rifiuti pascola il gabbiano,/

non guarirete con il vostro affanno./

*/

Una ciliegia rossa per Natale/

quella sì la vorrei, quella soltanto,/

gonfia di sole, ricca di promesse,/

 gustosa tanto da goderne un anno./

Roma, Natale 2018

I pini di Roma

Ma nell’azzurro gelido dicembre/
sta la maestà dei pini contro il sole/
liberando lo sguardo/
dall’osceno paesaggio delle strade./

19 dicembre 2018

Rivolta

Rovesciano le strade/
in un tumulto/
di disperati appelli alla ragione./
Invocano saggezze/
nei secoli bandite,/
promesse poi tradite/
dal potere dei pochi./
Scandaloso buonsenso/
alla deriva./
Un condottiero coi suoi tristi giochi/
non baderà a che il mondo sopravviva./

Vipassana

Pratica secolare/

per non vivere a caso./

Andare con la mente/

al respiro del naso/

e meditare/

se consapevolmente/

a causa di un prurito/

ti verrà di di grattare/

con un dito/

tu invece dolcemente,/

esaminato il caso,/

riporterai la mente/

sul tuo naso./

29 novembre 2018

Policità

 

Smorfie di propaganda

invadono gli schermi,

seducono le folle

al buon mercato.

In coda fra le quinte

visi truccati come le parole

ammiccano in attesa

di applausi pre impostati.

Il comico di turno

ripropone

al pubblico sghignazzo

battute trasversali.

 

Democrazia circense

e avvisi commerciali.

Acrobazie dialettiche

su novità passate

di ospiti stuzzicati

dal “bravo conduttore”.

14 novembre 2018

GAFAM*

Siamo in un mondo figlio del denaro,

algoritmo di attese e delusioni

di pensieri veloci e di passioni,

in pancia a un matematico somaro.

Ingoia le domande, le risposte

saranno quelle affidate al mercato,

buone per tutti, compreso lo Stato.

La vita scorre in un tempo d’avvento.

Nessuno sa se mai fischierà il vento.//

*Google, Apple, Facebook, Amazon, Microsoft.

4 novembre 2018

55 anni di professione

IMG_6130

Oggi, 5 ottobre 2018, festeggio 55 anni di professione, ieri inviato alla RAI per qualche milione di telespettatori, oggi su internet per qualche centinaio di amici. E “Nandocan” inizia il suo quattordicesimo anno. Grazie a tutti voi.

Libertà di cultura

Roma, 15 settembre 2018 – “Rotterdam unlimited”, Rotterdam senza frontiere. 178 culture diverse per quello che è uno dei festival di strada più grandi del mondo. Alla fine di luglio si sono dati appuntamento in questo parco centinaia di olandesi originari di Capo Verde. Isolate e povere di risorse, le isole di Capo Verde vivono sostenute soprattutto dai legami migratori col resto del mondo. Qui a Rotterdam,la seconda città olandese che ospita il più grande porto di Europa, cominciarono ad arrivare negli anni sessanta, in cerca di occupazione nel settore marittimo. Molti erano già sbarcati negli Stati Uniti, altri in Portogallo, nell’Africa occidentale e in Sudamerica. In Italia, badanti e domestiche capoverdiane, tra i primi immigrati ad arrivare nella più recente ondata migratoria, erano già a Roma nel 1957.

In Olanda ma soprattutto qui a Rotterdam i capoverdiani sono dunque di casa da tempo, riuscendo a integrarsi perfettamente con la popolazione locale. E oggi danno un forte contributo a quell’eclettismo culturale che nei Paesi Bassi come altrove si esprime principalmente nella musica, nella danza e nel cibo. Un esempio di integrazione da valere anche per il resto d’Europa.

Più che un festival, sembra una festa familiare, con un’atmosfera di eccitante allegria  cui collaborano grandi e piccini. E sono soprattutto i giovani, che rimproverano agli immigrati di prima generazione una mentalità e un comportamento troppo europei, i più decisi a sfoggiare colori vivaci e musica africana o giamaicana. I ritmi eseguiti da questo gruppo musicale sono funanà e kizomba.

Non dite libertà, ma liberate

Non datemi pozioni già scadute
con l’amaro sapore della noia
vissuta e quella ancora ad aspettarmi.
Intorno
vele ammainate dall’indifferenza
negano ancora il vento e l’evidenza.
Non fate più ascoltare
parole ormai sfiorite
sui rami secchi di un pensiero antico.
Fate la verità delle parole
per cui vale la pena di lottare.
Non dite libertà, ma liberate,
non uguaglianza, ma più uguali siate
e fratelli, dovunque vi trovate.
19 luglio 2018

 

Vecchio Cinema Paradiso (1’56”)

Un passaggio fugace ma intenso nella magica atmosfera del museo del cinema, a Torino. Il breve brano musicale si intitola “Body and soul” ed è tratto dal film “Stardust Memories”.

Ramallah Ramadan (2’14”)

Ramallah Ramadan, la festa notturna delle famiglie per le strade della città sede dell’Autorità Nazionale Palestinese. Accompagna le immagini una breve  ripresa del concerto a sostegno della campagna per il diritto al permesso di soggiorno, ora  negato da Israele ai coniugi e ai familiari di palestinesi con passaporto estero. http://www.righttoenter.ps/aboutrte/