Archivi tag: Usigrai

8 marzo: Rai, occasione persa

di Vittorio Di Trapani*

raicavallo4Una occasione persa. Un’altra occasione persa. Per l’8 marzo la Rai non ha organizzato una prima serata di informazione per parlare dell’infamia del femminicidio. Se la Rai vuole recuperare il proprio ruolo di Servizio pubblico deve avere il coraggio di tornare a raccontare la realtà. Se ne è parlato nel corso dell’incontro “Donne e informazione: ricominciamo dai giovani”, organizzato dalla Commissione Pari opportunità dell’Usigrai in contemporanea al Liceo Tasso di Roma e al Meli di Palermo, e che domani farà tappa all’Università Cattolica di Milano. Serve un cambio di passo. Urgente.
Sull’informazione e sull’approfondimento, la Rai si era impegnata ad assicurare una inversione di tendenza.
Ancora brucia il vuoto che si è creato il giovedì sera dopo la chiusura di Anno Zero. Oggi invece parte un nuovo talent show musicale, con un atto di autolesionismo: la scelta come partner ufficiale di una radio privata concorrente.
L’Usigrai non lascerà che la Rai venga stritolata tra il conservatorismo e il qualunquismo.
Altro che vendita e privatizzazione: il Servizio pubblico ha bisogno di idee, progetti e investimenti.
Noi faremo la nostra parte con il “coraggio del cambiamento”.* Segretario nazionale Usigrai

Elezioni: Di Trapani (Usigrai), “Verro parla da consigliere Rai o da candidato Pdl come Minzolini?”

minzolini

“Antonio Verro parla come consigliere di amministrazione della Rai o come candidato alle politiche dello stesso partito di Augusto Minzolini?”. A domandarlo e’ il segretario dell’Usigrai, Vittorio di Trapani, che commenta cosi’ le dichiarazioni rilasciate oggi da Verro (“Sono contento si sia conclusa positivamente la vicenda giudiziaria che ha visto coinvolto Augusto Minzolini. Ora mi aspetto che, quanto prima, il Direttore Generale porti una proposta in Cda per sanare la questione in ossequio a quanto previsto dalla legge”). “Oggi va in scena un’altra edizione del conflitto di interessi e della intollerabile ingerenza dei partiti nella gestione della Rai. Verro rassegni le dimissioni dal Cda: anche in caso di mancata elezione, e’ ormai indiscutibile che non ha il profilo di autonomia e indipendenza indispensabile ad amministrare il Servizio pubblico”, afferma il sindacalista. “Per quel che ci riguarda – aggiunge – le sentenze si rispettano e le norme si applicano, senza distinzioni di parte”.

“Ribadiamo pero’ – conclude – quello l’Usigrai sosteneva gia’ allora: Minzolini andava rimosso dalla direzione del Tg1 per valutazioni editoriali e di prodotto. Ancor piu’ valide oggi dopo la sua candidatura come numero 2 del proprietario di Mediaset, Silvio Berlusconi. E per questa ragione e’ una stagione che non si puo’ riaprire”.

da Articolo 21, 14 febbraio 2013

Par condicio, Usigrai : Vigilanza garantisca pari rappresentanza di genere

rappresentanzadigenere

La richiesta all’AgCom di pubblicare ogni 3-4 giorni i dati dei “tempi di parola” di tutti i politici, le forze politiche e i movimenti, e una “indicazione chiara affinche’ sia assicurata parita’ di rappresentanza di genere nei singoli spazi informativi e all’interno di ciascuna forza politica”. E’ quanto chiede Vittorio Di Trapani segretario dell’Usigrai, alla commissione parlamentare di vigilanza Rai che oggi comincia l’esame della bozza di regolamento sulla par condicio nel servizio pubblico per la tornata elettorale del 24 e 25 febbraio prossimi. Per l’Usigrai si tratta di due indicazioni fondamentali, specie quella relativa alla richiesta all’AgCom, che se attuata e’ davvero in grado – secondo Di Trapani – di “garantire il pluralismo e la tempestivita’ per eventuali tempi di compensazione”.

3 gennaio 2013