Archivi tag: Castel Sant’Angelo

Romani per caso (videopoesia)

Ironico rispettoso omaggio alla dea Roma e ai milioni di turisti , romani “per caso”, che hanno dedicato qualche giorno o qualche ora alla disordinata vita di questa città. Le riprese del breve video (meno di quattro minuti) sono state fatte con videocamera Sony nel maggio scorso.

 

Il testo della videopoesia:

Sei mai venuto a Roma in primavera,
quando la dea concede le sue grazie
alle folle scomposte di gitanti,
romani improvvisati?

Un sorriso alla foto d’ordinanza,
la debolezza umana di un ricordo,
e si ritorna a bordo.

Un concerto di suoni e di colori
li accompagna nei vicoli affollati
di Trastevere in festa.

Biondo di sole il Tevere saluta
e benedice tutti con la sconcia
risata dei gabbiani.

Esplode nei mercati vaticani
la povera abbondanza dei migranti
sciorinata ai passanti.

Alla grande bellezza contraffatta
si affaccia il papa buono
invocando perdono.

La predica degli uccelli (videopoesia)

la predica degli uccelliChe vuoi da noi, passante sconosciuto/ che vuoi rubarci in cambio del tuo pane? /l’amore no, non lo possiamo dare /la fame, solo questa a noi ci avanza / e libertà, che a quella si accompagna / Ma tu se vuoi puoi guardarci volare… Roma, Castel Sant’Angelo, novembre 2014

….e di seguito altri miei video

(per passare da uno all’altro clicca in basso a sinistra ->>

 

Rome, we’ve been there

fotografati a San PietroI live in Rome (Italy), near St. Peter’s and Sant’Angelo’s castle, where thousands of visitors from all over the world everyday love to have their photograph taken with the most famous monuments in the background. This 3′ video is dedicated to them.

 

Abito a Roma, a due passi da San Pietro e Castel Sant’Angelo, dove ogni giorno migliaia di visitatori da ogni parte del mondo amano farsi fotografare sullo sfondo dei monumenti più famosi del mondo. A loro è dedicato questo piccolo video, girato in un tramonto di ottobre.

  

Vendi e fuggi

vu cumprà a Sant'AngeloA Roma, davanti a Castel Sant’Angelo il mercato abusivo dei vu cumprà, costretti alla fuga ad ogni incursione della polizia.