Archivi tag: articolo 21

Quelli che…Rodotà

RodotàRoma, 7 maggio 20134 – “La rivoluzione della dignità” era il titolo della manifestazione organizzata dalla rivista “Left” e dal suo direttore Maurizio Torrealta, per un incontro del professor Stefano Rodotà, costituzionalista e politologo di grande prestigio, con il popolo della sinistra che lo avrebbe voluto oggi alla Presidenza della Repubblica. Al teatro Eliseo di Roma, nel pomeriggio del 2 maggio scorso, si è parlato a lungo di lavoro, eguaglianza, diritti, libertà e giustizia. Valori fondanti della Repubblica e della Costituzione, il rispetto dei quali rende oggi improbabile, tormentata e decisamente precaria una coabitazione tra il centrosinistra e l’attuale centrodestra guidato da Berlusconi al governo del Paese. Ciò è apparso con molta chiarezza sia nell’introduzione e nella replica di Rodotà, sia negli interventi di Pippo Civati (PD), Vito Crimi (M5S), Gennaro Migliore (SEL), Adriano Prosperi (storico),Francesca Redavid (FIOM), Antonio Di Luca (operaio), Andrea Ranieri (Left), Gherardo Colombo (ex pool Mani Pulite), Antonio Ingroia (Azione civile), Antonio Cofferati (PD), Giuseppe Giulietti (Articolo 21), Tana De Zulueta (Iniziativa cittadina europea per la libertà di informazione e il pluralismo dei media). Un collegamento audiovideo tecnicamente difettoso dalla sala con Sandra Bonsanti  e Revelli ha purtroppo impedito l’utilizzo dei loro contributi in questa mia video-sintesi.

La RAI che vogliamo, 2 – qualità e prospettive del servizio pubblico

RAIfeat 2Come dovrà essere la RAI che vogliamo? Articolo 21, associazione che riunisce giornalisti e altri operatori del mondo della comunicazione, ha dedicato a questo tema la sua quarta assemblea nazionale, che si è svolta ad Acquasparta, in Umbria, dal 9 all’11 novembre del 2012. Tre giorni di dibattito per esaminare la realtà attuale e le prospettive future della grande azienda di servizio pubblico radiotelevisivo in tutti i loro aspetti: politici,culturali, sociali e organizzativi.
PRIMA PARTE (18 minuti circa): aspetti politico-istituzionali del servizio pubblico (conflitto di interessi, governance e finanziamento). Intervengono nell’ordine: Don Luigi Ciotti, Roberto Zaccaria, Enzo Carra, Giorgio Balzoni, Lelio Grassucci, Gianni Rossi, Nino Rizzo Nervo, Roberto Bertoni, Tiziana Ferrario, Andrea Camporese, Giuseppe Giulietti, Tana De Zulueta.
SECONDA PARTE (18 minuti circa), dedicata al prodotto editoriale, ospita gli interventi di Monica Guerritore, Filippo Vendemmiati, Elisabetta Tobagi, Nino Rizzo Nervo, Paolo Gentiloni, Barbara Scaramucci, Antonello Falomi, Roberto Natale, Marino Sinibaldi.
TERZA PARTE(10 minuti circa): si parla del peso delle ideologie nell’attuale modello organizzativo, del ruolo dell’informazione nella RAI del futuro, con particolare riferimento al giornalismo di inchiesta e al recupero dei temi oscurati. Intervengono Renato Parascandolo, Santo Della Volpe, Roberto Amen, Ezio Cerasi, Alessandra Mancuso, Luisa Betti, Nella Condorelli, Arianna Voto, Carlo Verna.
Queste che ho forse impropriamente definito video-sintesi sono piuttosto antologie di citazioni, scelte e montate molto liberamente con tecnica giornalistica per offrire il succo di quanto è stato detto a chi non ha tempo o voglia di dedicarsi ad una lunga registrazione integrale, comunque disponibile sul sito di Articolo 21.

 

La RAI che vogliamo – 1: aspetti politico-istituzionali del servizio pubblico

raibenecomunefeatCome dovrà essere la RAI che vogliamo? Articolo 21, associazione che riunisce giornalisti e altri operatori del mondo della comunicazione, ha dedicato a questo tema la sua quarta assemblea nazionale, che si è svolta ad Acquasparta, in Umbria, dal 9 all’11 novembre del 2012. Tre giorni di dibattito per esaminare la realtà attuale e le prospettive future della grande azienda di servizio pubblico radiotelevisivo in tutti i loro aspetti: politici,culturali, sociali e organizzativi.
PRIMA PARTE (18 minuti circa): aspetti politico-istituzionali del servizio pubblico (conflitto di interessi, governance e finanziamento). Intervengono nell’ordine: Don Luigi Ciotti, Roberto Zaccaria, Enzo Carra, Giorgio Balzoni, Lelio Grassucci, Gianni Rossi, Nino Rizzo Nervo, Roberto Bertoni, Tiziana Ferrario, Andrea Camporese, Giuseppe Giulietti, Tana De Zulueta.
SECONDA PARTE (18 minuti circa), dedicata al prodotto editoriale, ospita gli interventi di Monica Guerritore, Filippo Vendemmiati, Elisabetta Tobagi, Nino Rizzo Nervo, Paolo Gentiloni, Barbara Scaramucci, Antonello Falomi, Roberto Natale, Marino Sinibaldi.
TERZA PARTE(10 minuti circa): si parla del peso delle ideologie nell’attuale modello organizzativo, del ruolo dell’informazione nella RAI del futuro, con particolare riferimento al giornalismo di inchiesta e al recupero dei temi oscurati. Intervengono Renato Parascandolo, Santo Della Volpe, Roberto Amen, Ezio Cerasi, Alessandra Mancuso, Luisa Betti, Nella Condorelli, Arianna Voto, Carlo Verna.
Queste che ho forse impropriamente definito video-sintesi sono piuttosto antologie di citazioni, scelte e montate molto liberamente con tecnica giornalistica per offrire il succo di quanto è stato detto a chi non ha tempo o voglia di dedicarsi ad una lunga registrazione integrale, comunque disponibile sul sito di Articolo 21.

 

 

Rai: presidente Tarantola scrive ad Art.21: “creeremo spazi ad hoc su crisi dimenticate”

annamariatarantola

22 febbraio 2013 – Il presidente della Rai Anna Maria Tarantola ha inviato al direttore di Articolo21 la seguente lettera: “Gentile Direttore, ho letto il Vostro appello che invita la Rai a dare più spazio ai diritti umani e alle crisi dimenticate anche attraverso la creazione di spazi ad hoc per le tematiche trascurate dagli spazi informativi. In proposito La informo che ho interessato le strutture competenti dell’azienda”.

“Prendiamo atto con soddisfazione – commentano Stefano Corradino eGiuseppe Giulietti, direttore e portavoce di Articolo21 – della puntuale risposta della presidente della Rai Anna Maria Tarantola e ci auguriamo davvero che il grande tema dei diritti umani e delle crisi dimenticate possa diventare uno dei temi qualificanti del servizio pubblico* fino ad arrivare, nel tempo, alla costituzione di un vero e proprio osservatorio permanente capace di illuminare i mondi oscurati”.

* Me lo auguro anch’io, nella speranza che la formula contenuta nella lettera (ho interessato, anziché invitato o sollecitato) non venga interpretata dai destinatari come un semplice passaggio di carte (nandocan)

Conflitto di interessi: Giulietti, “Berlusconi scelga un modello qualsiasi in Europa”

Berlusconi uno e trino21 febbraio 2013 – “Berlusconi, al solo annuncio di una possibile legge sul conflitto di interessi è tornato ad indossare i panni dell’espropriando, della vittima del complotto “bolscevico”. Ci auguriamo che, almeno questa volta, nessuno abbocchi alla sceneggiata di sempre. Non si tratta, infatti, di “tosare” qualcuno ma, più semplicemente, di portare l’Italia in Europa anche nel sistema dei media”. Lo afferma in una nota il portavoce di Articolo21 Giuseppe Giulietti.

“Per non cadere nella sua trappola basterà adottare, in materia di conflitto di interessi, di normative antitrust, di contrasto alle posizioni dominanti, una delle normative già in vigore nei principali paesi europei. Se fossimo nei panni del nuovo governo, per non spaventare troppo Berlusconi, chiederemmo direttamente a Lui di scegliere il modello di riferimento, e poi lo porteremo subito al voto del Parlamento. Non si tratta, dunque, di danneggiare una persona o una azienda, ma, più semplicemente, di porre fine alla stagione del conflitto di interesse e delle norme ad aziendam e di trattare tutte le imprese in modo uguale, a prescindere dal nome e dal cognome del proprietario, come, peraltro, e non da oggi, ci hanno chiesto tutte le principali istituzioni internazionali che si occupano di libertà dei media”.
Subito dopo il voto Articolo 21 chiederà alle decine di candidate e di candidati, delle diverse liste, che hanno sottoscritto l’appello della associazione, di presentare una proposta comune, oltre ogni confine di parte e di partito”.

Art.21: L’elenco delle candidate e dei candidati che hanno sottoscritto i 6 punti della “Dichiarazione di impegno comune”

articolo 21Articolo21 ha incontrato l’8 febbraio presso la Fnsi le candidate e i candidati alle elezioni politiche 2013 per presentare loro il documento approvato ad Acquasparta e chiedere di farlo proprio, di impegnarsi sui temi della libertà di informazione a partire dai primi cento giorni e prendere parte a un gruppo interparlamentare di Articolo21. Questo il testo che chiederemo di sottoscrivere:

Le sottoscritte candidate e candidati si impegnano a portare l’Italia in Europa anche nel settore delle telecomunicazioni e di levare dalle spalle dell’Italia quella magna nera che rappresenta una delle vergogne nazionali. Per queste ragioni ci impegniamo a porre nell’agenda del prossimo governo e parlamento:
1) La risoluzione del conflitto di interessi mediante una norma che vieti le candidature ai titolari di concessioni televisive su base locale, regionale, nazionale
2) L’introduzione di una rigorosa normativa antitrust che impedisca la concentrazione delle reti di trasmissione e la raccolta pubblicitaria
3) La modifica radicale della Legge 249 e della Legge Gaspari liberando le Autorità di garanzia e la Rai dal controllo diretto di governo e forze politiche 
4) L’eliminazione dai codici delle norme potenzialmente lesive del diritto di cronaca a cominciare dalle querele temerarie
5) La difesa della libertà della rete e della sua neutralità
6) La liberazione di ogni forma di attività espressiva (cinema, teatro, musica, spettacolo…) da qualsiasi forma di censura politica, economica, religiosa, attraverso nuove norme e con l’approvazione delle leggi sullo spettacolo, sul cinema, sull’editoria

FIRMATARI (in ordine alfabetico)

Pierluigi Bersani (Partito Democratico)
Maria Cristina Bigongiali (Rivoluzione Civile)
Rosa Calipari (Partito Democratico)
Michele Cervo (Rivoluzione Civile)
Carlo Cianetti (Rivoluzione Civile)
Paola Concia (Partito Democratico)
Maria Coscia (Partito Democratico)
Ilaria Cucchi (Rivoluzione Civile)
Cesare Damiano (Partito Democratico)
Massimo Donadi (Centro Democratico)
Stefano Fassina (Partito Democratico)
Arcangelo Ferri (Rivoluzione Civile)
Gianfranco Fini (Futuro e Libertà)
Pietro Grasso (Partito Democratico)
Fabio Granata (Futuro e Libertà)
Antonio Ingroia (Rivoluzione Civile)
Franco Latorre (Rivoluzione Civile)
Luisa Laurelli (Partito Democratico)
Saverio Lodato (Rivoluzione Civile)
Flavio Lotti (Rivoluzione Civile)
Matteo Magnisi (Rivoluzione Civile)
Michele Meta (Partito Democratico)
Corradino Mineo (Partito Democratico)
Roberto Natale (Sinistra Ecologia Libertà)
Andrea Olivero (Scelta Civica con Monti per l’Italia)
Matteo Orfini (Partito Democratico)
Paolo Pacifici (Sinistra Ecologia Libertà)
Daniele Panarese (Rivoluzione Civile)
Flavia Perina (Futuro e Libertà)
Francesca Puglisi (Partito Democratico)
Stefania Pezzopane (Partito Democratico)
Pina Picierno (Partito Democratico)
Roberto Rao (Udc)
Maurizio Torrealta (Rivoluzione Civile)
Lara Ricciatti (Sinistra Ecologia Libertà)
Gabriella Stramaccioni (Rivoluzione Civile)
Bruno Tabacci (Centro Democratico)
Nichi Vendola (Sinistra Ecologia Libertà)
Vincenzo Vita (Partito Democratico)

8 febbraio 2013

L’Aiart ritira la denuncia. Corrado Guzzanti ringrazia con una lettera per le 54mila firme raccolte da Art.21 e change.org

corradoguzzanti1

Da Articolo 21 – Vittoria doppia, anzi tripla. E qualche volta vale la pena di gioire pubblicamente dei risultati ottenuti per campagne di libertà che si combattono con convinzione. La petizione per Corrado Guzzanti lanciata sul sito change.org ha raccolto oltre 54mila firme. L’Associazione dei telespettatori cattolici (Aiart) ha ritirato la denuncia e Guzzanti ci ha scritto una splendida lettera (che si può leggere di seguito nella versione integrale) per ringraziare quanti hanno promosso e firmato l’appello e per dire la sua sulla satira in un paese che dovrebbe essere “laico e democratico” ma troppo spesso appare come uno “stato teocratico”.L’Aiart aveva denunciato La7 per “vilipendio della religione” dopo che l’emittente aveva mandato in onda il 4 gennaio scorso “Recital”, spettacolo di e con Corrado Guzzanti già replicato tra l’altro decine di volte su Sky, su Cielo, e pubblicato in Dvd. Il sito change.org ha pubblicato la petizione “Il programma di Guzzanti non deve chiudere” promossa da Stefano Corradino, direttore di Articolo21 e il web si è scatenato a sostegno del comico romano. Giornali cartacei e on line, siti internet e social network hanno riportato la notizia della campagna, linkato l’appello che, in poco più di 72 ore, ha superato le 50mila firme.Ieri la buona notizia: l’Aiart ha deciso di ritirare la denuncia. E oggi Corrado Guzzanti scrive ad Articolo21 e Change.org: “Con l’occasione ringrazio anche molti giornalisti che hanno preso le mie parti scrivendo della querelle tragicomica di Padre Pizzarro… Ho sempre fatto il mio lavoro seguendo il mio “sentimento satirico”, parlando di tutto e di tutti nel modo più libero che mi è stato e che mi sono concesso”. “Al di là del positivo esito finale della vicenda – commenta Stefano Corradino – la petizione su change.org ha messo in evidenza che tanti cittadini non accettano né bavagli né censure e che quella per l’informazione libera (e la libera satira) è una battaglia irrinunciabile di democrazia. ‘Chi lotta può perdere, chi non lotta ha già perso’ scriveva un noto rivoluzionario, medico argentino…”IL TESTO INTEGRALE DELLA LETTERA DI CORRADO GUZZANTI

 

Elezioni. Agcom risponde ad Articolo21: “Sovraesposizione Pdl su reti Mediaset”

berlusconidurso1

17 gennaio 2013* – La lettera che ci ha inviato l’Agcom a seguito dei nostri esposti per le ripetute ed eclatanti violazioni delle regole sul pluralismo dell’informazione nel periodo precedente all’entrata in vigore della par condicio è un vero e proprio epitaffio inciso sulla tomba della adeguatezza di quella istituzione. Per la verità non é che ci fosse bisogno della lettera per arrivare a questa conclusione… ma impressiona la sicumera con cui sostanzialmente si dice: “noi non possiamo fare niente”. Colpisce già l’incipit della risposta che si riferisce a: “presunte violazioni nell’intervista all’on. Berlusconi nella trasmissione Domenica Live”. Tutta l’Italia ha parlato della scandalosa intervista della D’Urso e loro presumono (sic!). La lettera passa poi a sciorinare una tesi secondo la quale sarebbe impossibile l’applicazione della stessa delibera Agcom n.22 del 2006 che regola i trenta giorni precedenti lo scioglimento delle Camere perché: “non si può determinare a priori il dies a quo”.

Cioé vale a dire che tutti sapevano che il Presidente della Repubblica dopo pochi giorni avrebbe sciolto le Camere ma all’Agcom non ne erano informati. Infine, la “chicca”: solo a conclusione della campagna elettorale l’Autorità potrà intervenire (dunque le eventuali sanzioni le applico quando mi pare e non per ripristinare immediatamente, come vuole la legge, l’equilibrio tra i vari soggetti in campo). Insomma un disastro, che dà ulteriormente il senso del dramma che vive il nostro sistema dell’informazione. A questo punto é inutile perdere tempo con Agcom, che peraltro anche in par condicio si limita a blandi ed ecumenici richiami senza mai sanzionare. É tempo che intervengano altre istituzioni di garanzia a livello europeo ed internazionale. A loro d’ora in avanti ci rivolgeremo vista l’impossibilità di vedere applicate dagli organi preposti le pur inadeguate regole sul pluralismo.

* da articolo 21, il grassetto è di nandocan

La nomina di Monica Maggioni a Rai News contestata dai consiglieri Tobagi e Colombo.

raicavallo4

10 gennaio 2013 – ‘Resta il sospetto che la politica continui a contare nelle nomine Rai’. Lo scrivono i consiglieri Rai Benedetta Tobagi e Gherardo Colombo dopo la nomina del direttore di Rainews, Monica Maggioni, in sostituzione di Corradino Mineo, candidato dal PD come capolista in Sicilia.  Una nomina che giudicano ‘prematura’ e sottolineano: ‘ci aspettavamo un deciso cambiamento di passo, da un vertice presentato come ‘tecnico’ e di garanzia. Purtroppo, come gia’ accaduto, non vediamo questo cambio di passo nel caso di una delicata nomina editoriale’. Tobagi e Colombo ricordano che ‘il 5 settembre 2012 il cda Rai ha dato mandato al direttore generale di elaborare in tempi brevi un progetto di dettaglio per l’unificazione di Televideo e Rainews da sottoporre all’approvazione del consiglio. Questa unificazione, invece, e’ ancora in elaborazione: ancora nessun progetto e’ stato presentato al consiglio. In questi mesi, inoltre, nonostante ripetute sollecitazioni, non si e’ discusso o chiarito quale sia la visione strategica per Rainews, un tema riguardo al quale sono stati sviluppati in passato progetti diversi, mai implementati’.

Alla RAI  “è maggioranza Berlusconi-Monti”, commenta Giulietti (Articolo 21)

“Inutile perdere tempo nella ennesima zuffa sui nomi e sugli organigrammi della Rai. Qui non si tratta piú di giudicare questa o quella delibera, ma di prendere lucidamente atto che in Rai si é ormai formata una maggioranza composta dai consiglieri ” montiani e berlusconiani” alcuni dei quali personalità di rilievo dei patiti che li hanno indicati”. È quanto afferma in una nota il portavoce di Articolo21 Giuseppe Giulietti. Da questo schieramento sono rimasti fuori, per loro scelta, i due consiglieri espressi da Libera,libertà e giustizia,tavola della pace,comitato per la libertà di informazione ai quali il segretario del Pd Bersani, con procedura innovativa e coraggiosa, chiese di indicare donne e uomini di comprovata autonomia ed indipendenza. Questa esperienza rischia di essere arrivata al capolinea soffocata dalla logica del conflitto di interesse e della legge Gasparri che rappresentano la vera questione, il bubbone da estirpare. Nelle prossime ore proporremo a tutte le associazioni che hanno a cuore l’articolo 21 della Costituzione di indire una grande manifestazione pubblica per chiedere alle forze politiche e ai candidati di assumere l’impegno ad inserire in testa alle loro agende la soluzione del conflitto di interesse,l’adozione di una normativa anti trust e la liberazione delle Autoritá di garanzia e della Rai dalle interferenze dei partiti e dei governi, politici o tecnici che siano o saranno. Altrimenti tutto continuerá come prima, altro che le chiacchiere sulla innovazione e la discontinuitá….

 

Elezioni. Giulietti: ” Corradino Mineo scelta importante”

rainews2402

“Il Pd ha annunciato la candidatura di Corradino Mineo, direttore di Rainews, come capolista in Sicilia. Prendiamo atto con soddisfazione di questa scelta – afferma il portavoce di Articolo21 Giuseppe Giulietti – anche perché siamo sicuri che Corradino Mineo, uno dei soci fondatori di Articolo21… e da sempre protagonista delle battaglie per la libertà di espressione, porterà questi temi anche nel lavoro politico e parlamentare e in particolare sarà di grande utilità per l’illuminazione di temi e soggetti sociali troppe volte e troppo a lungo oscurati, sia in sede politica che mediatica”.

8 gennaio 2013

Mi chiedono quotidianamente: ma Beppe che fa?

di Giorgio Santelli, pubblicata da Grillie Pinocchi su facebook il giorno Martedì 8 gennaio 2013 alle ore 0.45 ·

 Sempre più persone che mi conoscono, che conoscono Beppe Giulietti, e Articolo 21 mi fanno questa domanda. Beppe che cosa fa? Nel senso che la legislatura è ormai finita e nessuno parla o vede una ricandidatura in parlamento del portavoce di Articolo 21. Qualcuno dice che comunque ha avuto una lunga esperienza parlamentare. Altri che a questo punto, dopo tutte le battaglie che abbiamo fatto, forse Beppe meriterebbe un’esperienza di governo. Due posizioni condivisibili. Io però continuo a farmi una domanda. E ci rimugino sopra sempre più spesso. E’ finita quella missione comune che ci eravamo assegnati nel 1994, quando Beppe fu candidato la prima volta? E quella che poi proseguì, facendo nascere quella straordinaria esperienza che è Articolo 21. Abbiamo ottenuto ciò che abbiamo inseguito per 18 anni? Purtroppo no. Anche se abbiamo fatto tanto. Abbiamo posto per più di una volta al centro dell’agenda politica il diritto al pluralismo, la salvaguardia dell’articolo 21 della Costituzione.

 

Abbiamo fatto discutere donne e uomini con storie e con appartenze culturali e politiche diverse. Abbiamo dato voce al mondo della cultura, del cinema, del teatro, dell’informazione. Mondi che hanno imparato a percorrere strade comuni. Abbiamo percorso una parte di quella strada ma se andiamo a vedere i risultati ottenuti, ci manca ancora molto da fare.

 

Questi 18 anni sono stati pesanti. E di fronte a noi quel rischio che abbiamo rappresentato non in Berlusconi ma nel berlusconismo non è affatto superato. Il conflitto di interessi è ancora lì dove lo abbiamo trovato, gli interventi a favore del pluralismo dei media sono una battaglia continua, le battaglie l’estensione dei diritti, per un lavoro più sicuro e meno precario. Sono obiettivi che dobbiamo ancora raggiungere. E’ vero, potremmo avere in parlamento, nel prossimo parlamento, tante donne e uomini che quella strada l’hanno percorsa con noi. Speriamo che ci possa essere Roberto Natale, Flavio Lotti,  Laura Boldrini, Gabriella Stramaccioni, Franco La Torre, Stefania Pezzopane,  Cesare Damiano, Pina Picierno, Vincenzo Vita, Francesca Puglisi, Lara Ricciatti. Ma non ci sarà Beppe in Parlamento e questa cosa non può passare inosservata. Perchè ogni volta, fin dalla prima ricandidatura, abbiamo dovuto lanciare sempre appelli per chiedere la ricandidatura di Beppe Giulietti. E la ragione è semplice. I temi che ha portato in parlamento sono stati sempre scomodi. E scomodo è stato sempre anche lui perchè indipendente. Non per “fini” personali ma perchè quando si affrontano temi scomodi la scomodità non fa comodo a nessuno.

 

“Che farà Beppe?” Posso dire che non penso farà il pensionato. Posso dire che non penso smetterà di lavorare con, in e per Articolo 21. Posso dire che saprà dare una mano a quei parlamentari che sceglieranno di portare avanti le battaglie e le campagne di Articolo 21. Posso dire che continuerà a voler bene al servizio pubblico e che lavorerà perchè sia libero e indipendente. Posso dire che ciò che faceva in Parlamento lo farà fuori, con la stessa identica forza e determinazione. Che sarà in prima linea contro il conflitto di interessi e lavorerà affinche la carta di intenti di Articolo 21 non resti solo sulla carta.

Poi qualcosa mi permetto di dirla io.

 

Posso dire che ringrazio tutti coloro che hanno permesso questi anni di impegno parlamentare di Beppe perchè non penso che nessuno sia mai rimasto deluso di aver riposto in lui quella fiducia.

Posso dire, però, che mi aspettavo che qualcuno si chiedesse, non per pietire deroghe particolari ma in una discussione legata alla buona politica, alle buone idee e in ragione dell’impegno dimostrato, quanto potrà pesare l’assenza di Beppe dal Parlamento. Posso dire che mi aspetto che i leader dei partiti e delle formazioni che hanno condiviso con noi le nostre campagne e che molte volte Articolo 21 è riuscito a far dialogare proprio sui temi del pluralismo, dicano che in ogni caso di Articolo 21 c’è una immutata necessità.

 

E onestamente, immaginando quanta necessità ci sarà di persone che nel governo abbiano da mettere a frutto l’impegno mostrato in questi anni, mi aspetto che fin da subito quei leader in modo trasversale comincino a ragionare sul fatto che forse, dopo 18 anni di analisi e proposte a favore della cultura e dell’informazione, si pensi al mondo di Articolo 21 come il luogo dove individuare una risorsa utile al governo di questo Paese. E se si penserà ad Articolo 21 non si potrà non pensare a Beppe Giulietti.