SPQR (Sono Pazzi Questi Romani)

Romolo e RemoEr giorno avanti de fondare Roma,

pur con rispetto all’augusta persona,

la prima cosa che je disse Remo
 
dice che fu: a’ Romolo, si’ scemo?

Pare che mi’ fratello nun se ‘ntenne

de come se comanna su li pazzi,

pe’ nun falli resta’ drento a le tenne

li vorrebbe allocà ne li palazzi.

Ma presto ha da capi’ che nun è ‘r caso,

che poi lo pijeranno per il naso.

Li matti è mejo che li fai scappare.

Drento ar palazzo, vonno comannare.
 
Ciò detto, fece ‘n sarto sopr’ er fosso
 
ridenno e sghignazzanno a più non posso.
 
Romolo sbianca: nun ce se po’ créde,
 
ma allora dillo che si’ propio ‘n fijo
 
de ‘na mignotta, mo’ te faccio véde 
 
ch’a Roma er primo pazzo sono io!
 
E acchiappato da tera ‘n gran pietrone
 
mannò a quell’antro monno er fanfarone./

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.