Libertà di stampa: l’Italia al 57° posto. Prima la Finlandia

logo di giornalismo e democraziaSempre preoccupante la condizione dell’informazione nel nostro paese sul terreno della libertà di stampa secondo il rapporto annuale di “Reporter senza frontiere”. L’Italia è ora al 57 ° posto. Le discussioni sui bavagli e sulle norme che regolano la diffamazione portano il nostro paese in basso nella classifica internazionale. Dietro anche al Botswana e al Niger.

Ci sono paesi che sono precipitati in fondo alla graduatoria, ad esempio il Mali in seguito al colpo di stato a Bamako. Altri che sono risaliti: il Malawi ha scalato 75 posizioni piazzandosi al 75° posto. E’ noto che la classif9ica di Rsf è stilata sulla base di una serie di parametri: il pluralismo, l’indipendenza dei mezzi di comunicazione, il concetti di ambiente, quello di auto-censura, il complesso delle norme giuridiche, la trasparenza e le infrastrutture vere e proprie dell’informazione. Ogni paese riceve un punteggio da 0 a 100, con zero che rappresenta una “situazione ideale”.

In Europa danno segnali di peggioramento l’Ungheria e la Grecia. La Cina è ancora, inamovibile, al 174 posto! Le fanno compagnia la Somalia, Cuba, il Vietnam, la Siria. Mentre in testa alla classifica ci sono i paesi del Nord Europa: Finlandia, Paesi Bassi, Norvegia.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.