Larghe pretese

berlucicoriaLa lacrimosa storia/

di un piatto di cicoria/

che cucinò la zia/

nella sua trattoria/

a un gruppo di gaudenti/

rumorosi studenti./

“La voglio ripassata!”,/

“Per me la fai a frittata!”/

“Per me cotta col vino”/

“Per me al peperoncino”/

“Rosolata con l’aglio…/

..ma come dico sbaglio”/

“Fammela senza sale,/

che dicono fa male”./

La zia, in cuffietta e guanti,/

sorrise a tutti quanti,/

disse:”ci penso io…

la farò a modo mio”./

La mescolò col fieno,/

ripassata al veleno.

 

24 giugno 2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *