Berlusconi e il fascismo: ma che male hanno fatto gli italiani per avere un politico come questo?

Gen 28th, 2013 | By | Category: archivio

SE QUESTO di Valter Vecellio, 27 gennaio 2013 – “…E’ difficile adesso mettersi nei panni di chi decise allora. Certamente il governo di allora per il timore che la potenza tedesca si concretizzasse in una vittoria generale, preferì essere alleato alla Germania di Hitler piuttosto che contrapporvisi. E dentro questa alleanza ci fu l’imposizione della lotta, dello sterminio contro gli ebrei. Quindi il fatto delle leggi razziali è la peggiore colpa del leader, di Mussolini che per tanti altri versi aveva fatto bene…” (Silvio Berlusconi, 27 gennaio 2013)

Sconcerta, e inquieta, la “lettura” di Silvio Berlusconi di quel che è stato e fu il regime fascista.
Sconcerta per il giorno e il luogo scelto per dire questa sua scempiaggine, alla stazione di Milano, il giorno dedicato alla “Memoria”.
Sconcerta, e inquieta, perché rivela una “cultura” formatasi evidentemente sulle pagine dei “Diari” farlocchi che deve avergli procurato Marcello Dell’Utri, la stessa “cultura” che gli fece dire che sarebbe andato a recar visita e stringer la mano a “papà Cervi”, ignorando che era morto da tempo.
Sconcerta, e inquieta, perché Berlusconi, nella spasmodica ricerca di consenso, ha adottato una strategia secondo la quale ogni giorno deve andare in “prima pagina” per una corbelleria ogni volta più grande della precedente. Il suo linguaggio, le sue promesse, il suo programma è sempre più preso dai dieci punti di Cetto Laqualunque.
Sconcerta, e inquieta, perché il suo volgare e meschino ammiccamento alle formazioni di estrema destra viene un paio di giorni dopo quello che è emerso dall’inchiesta napoletana sul mondo “sommerso” dell’estrema destra: una ragazza colpevole di essere ebrea che doveva essere punita stuprandola; un orafo, colpevole di portare la kippà a cui si doveva incendiare il negozio…
E viene da chiedersi, senza ironia, e molto seriamente: ma che male ha fatto questo paese, che cosa devono scontare mai gli italiani, per avere un politico come Silvio Berlusconi e chi, in queste ore, lo difende?
Confutare tesi criminalmente stupide e odiosamente ripugnanti come quelle di Berlusconi, significa di fatto in qualche modo legittimarle. Allora, come predicava Marshall McLuhan per il terrorismo, “staccare la spina”? Il silenzio, forse, è la cosa che meglio si addice a Berlusconi e alle sue oltraggiose stupidaggini. Ma al tempo stesso occorre garantire che non si smarrisca la memoria, è necessario tenere vivo il ricordo e la verità di quello che fu, in una parola contrastare la menzogna. Senza stancarsi di farlo, e senza timore di apparire rituali e retorici.

*da Articolo 21, il grassetto è di nandocan.

Tags: , , ,

Leave a Comment

Vai alla barra degli strumenti