apertura

Senilità

Frammenti di una vita consumati, coperti dalla polvere del tempo, ricordi vani di amori non nati, foglie ingiallite salvate dal vento, perché occupate ancora la memoria avara e stanca di eventi importanti perché rubate spazio ad una storia di poeti, di artisti e grandi eroi, di santi, pensatori e di scienziati, navigatori e di trasmigratori? 23

[continue reading…]

Undici anni sono trascorsi dalla prima edizione. Da allora il sito ha acquisito una sua fisionomia, varietà e ricchezza di contenuti. Per comodità del lettore ma anche per evitare un sovraccarico, ho pensato di dividere "nandocan magazine" in due siti , nandocan magazine 1 e nandocan magazine 2, con la stessa testata ma diverse vesti grafiche. Il primo, che si apre cliccando www.nandocan.it , dedicato all'attualità, ospita i miei editoriali  ma soprattutto un'offerta quotidiana di articoli che ricevo dai collaboratori o scelgo dalla rete sottolineandone in grassetto le parti secondo me più rilevanti. Al secondo,  www.nandocan.info, sono destinati i video e  le  divagazioni in prosa e in versi. Al magazine 2 si potrà eventualmente accedere direttamente dal magazine 1. Graditissimi i vostri commenti, per i quali vi prego di utilizzare lo spazio appositamente previsto in coda a ogni post. Saranno pubblicati tutti quelli che rispetteranno la netiquette. Nandocan continuerà a non ospitare annunci pubblicitari.  
     

I miei video

Chi si ricorda di Tor di Nona? (video 1’27”)

Roma, 14 marzo 2017 – Un asino con le ali è il simbolo di questa via romana, sovrastata dal Lungotevere quasi di fronte a Castel Sant’Angelo. Era già stata sgomberata una prima volta negli anni trenta, gli abitanti trasferiti nei nuovi quartieri periferici. Il progetto era quello di demolire le case per allargare il lungotevere

[continue reading…]

Anteprima…vera (video 1’32”)

Roma, anteprima di primavera intorno al laghetto di Villa Pamphili. Dove si vede che anche un bell’anatroccolo corre dei rischi.

In tram a Trieste (video 8′)

Esiste Trieste prima che qualcuno la veda? Si chiedeva l’autrice di uno dei pochi libri sulla città che ho letto prima di questa visita. Come altre terre di confine, la città si presta facilmente a uno sguardo poliedrico e letterario e non a caso scrittori famosi di ieri, come James Joice, Italo Svevo, Umberto Saba,

[continue reading…]

Le Piante a concilio

Domenica mattina, tra il Gianicolo e Trastevere, un concilio di piante convenute da tutto il mondo…Voi non ci crederete, ma in cinquant’anni che vivo a Roma, non ero mai stato all’Orto botanico, forse perché l’ingresso è fuori dei percorsi abituali e  per trovarlo dovete chiedere in giro. Da Piazza della Rovere prendete a destra il lungotevere

[continue reading…]

Lo so…la vita ha sempre ragione (Sei là…a vida tem sempre razão)

Roma, 28 febbraio 2016 – Una canzone e un epigramma. Oggi è domenica e ho pensato di lasciar perdere l’attualità politica (nandocan magazine 1) per dedicare un po’ di tempo all’altro mio blog, quello più personale (nandocan magazine 2). Anche perché è un po’ di tempo che lo trascuro e avrei voglia di rilanciarlo. Lo

[continue reading…]

Romani per caso (videopoesia)

Ironico rispettoso omaggio alla dea Roma e ai milioni di turisti , romani “per caso”, che hanno dedicato qualche giorno o qualche ora alla disordinata vita di questa città. Le riprese del breve video (meno di quattro minuti) sono state fatte con videocamera Sony nel maggio scorso.   Il testo della videopoesia: Sei mai venuto

[continue reading…]

pensieri in prosa

Oltre il muro

Cerco pace col mondo,/ l’armonia/ di uno sguardo incrociato/ tra la folla,/ oltre il muro/ dei volti sconosciuti,/ reticolato/ dell’indifferenza,/ di paurosa prudenza,/ all’improvviso/ incontrare un sorriso. ***28 febbraio 2017

Due novembre sul Ponte, la morte senza tabù

L’amico Severino Saccardi, direttore di “Testimonianze”, mi ha inviato copia di un articolo da lui scritto per il “Corriere fiorentino”. Condivido volentieri con voi le sue riflessioni. In fondo, il 2 novembre non esiste solo per esorcizzare la morte con le zucche di Halloween (nandocan) ***“di Severino Saccardi, 2 novembre 2014 – Dianina, caffè!”.  Iniziavano

[continue reading…]

Come difendere l’Occidente

Roma, 6 settembre 2014 – “L’Occidente da difendere” è il titolo dell’ editoriale di Ezio Mauro, direttore de “La Repubblica”, apparso ieri mattina su quel giornale. Vagamente retorico, pare voler sottolineare la drammaticità dell’attuale momento storico-politico nel giorno in cui la NATO viene convocata per prendere decisioni sulla risposta da dare alle minacce aggressive della

[continue reading…]

Riflessioni sull’esperienza di fede

Roma, 24 gennaio 2014 – Oggi, come tante altre volte, mi è capitato di leggere qualche pagina da meditare. Non tutti i libri sono buoni per meditare. Stamani si trattava di un e-book con i quattro vangeli unificati più quello apocrifo di Tommaso, e del testo di un vecchio monaco buddista, Thich Nhat Hanh, poeta

[continue reading…]

poesie

Amore a 80 anni

Il mio cavallo sa come volare/ quando soffia nel vento il suo nitrito/ e alla curva del monte il prato appare./ Così vorrei rispondere all’invito/ degli occhi tuoi che chiamano all’amore/ e sfiori le mie labbra con un dito./ Donami allora un po’ del tuo calore/ e dolce con un bacio il tuo sorriso/ pazientemente

[continue reading…]

Un tempo nuovo

Altrove è la salvezza che cercate/ mosche impazzite che seguite invano/ l’inganno di una falsa trasparenza,/ mortificate la vostra impazienza,/ la via d’uscita è dove soffia il vento/ di un tempo nuovo e chiama da lontano,/ la via d’uscita è andare controvento. ***16 ottobre 2016

Introito (meditazione)

Davanti all’altare del nulla/ starò col mio essere vivo./ Di fronte al mistero del niente/ depongo la mente,/ fardello di senso e memoria,/ di sogno e di storia/ vissuta nel tempo del mito./ E questo è l’invito:/ chi crede si prenda il mio lutto,/ io vivo in eterno nel tutto./ Il corpo fa l’ultimo giro,/

[continue reading…]

Attimo

Vaga lo sguardo, scivola sul niente di superfici note, indifferente all’attimo presente, che più non è, ma è stato. L’avvenire matura nel passato.